Preloader

SEI DI MILANO?

PRENOTA ONLINE E RITIRA IN NEGOZIO.

Se sei di Milano puoi prenotare le tue dolcezze telefonandoci o inviandoci una email.
Potrai così ritirare il tuo ordine presso il nostro negozio, in via Brera 5.

Confezioniamo ogni prodotto in eleganti packaging, per ogni occasione.

+39-02-78623698 reservations@faragecioccolato.it via Brera 5, Milano

Seguici su Instagram!

Blog

L’alberello di mele per Natale. Biancaneve impazzirebbe!

Decorare la casa per Natale è sempre stato un divertimento e inventare nuove soluzioni, una vera sfida e la frutta di stagione è un valido alleato. Ho sempre usato moltissimo le fragole ma quest’anno ho optato per le mele “annurca”. Le annurca sono piccole mele originarie della regione Campania, e si prestano perfettamente per questo tipo di decorazione. Sode e dal colore rosso vivo, resisteranno per almeno una settimana infilzate nella base di spugna.

Potete utilizzare questo alberello ricoperto di mele come centrotavola o come la decorazione al posto del tradizionale albero di Natale. Profumato e allegro, un’alternativa insolita e divertente.

Seguite la procedura, è davvero facile.

L’OCCORRENTE PER REALIZZARE:

  • Un cono da fioraio di medie dimensioni: 45 cm di altezza
  • 6 kg di mele annurca
  • Carta stagnola per foderare il cono
  • Circa 20 rametti di alloro
  • Stuzzicadenti lunghi

Per prima cosa bisogna foderare interamente il cono da fioraio con la carta stagnola. Questo ci permetterà di lavorare su una superficie pulita, altrimenti si rischia di ritrovare piccole briciole di spugna verde sparse dappertutto.

Le mele devono essere lucidate con della carta da cucina. E’ meglio non lavarle perché la cera che riveste la buccia verrebbe parzialmente rimossa, riducendo la lucentezza.

Si procede poi a infilzare le mele dal loro fondo con gli stuzzicadenti. Iniziando a comporre dal basso verso l’alto, adaggiando le mele una di fianco all’altra. Finita la prima riga si procede con la riga superiore, cercando di sistemare le mele in alto, tra una e l’altra. E’ inevitabile che si formino dei piccoli spazi, che colmeremmo con i rametti d’alloro. Meglio però che gli spazi tra le mele siano ben ridotti.

La base del cono, ovviamente, è più larga e man mano che saliamo diventerà sempre più stretta e di conseguenza gli stuzzicadenti dovranno essere spezzati, calcolando a grosso modo la lunghezza, per evitare che “sparino” dal lato opposto della composizione!

Una volta finito di coprire il cono con le mele si può procedere con le foglie d’alloro, ben lavate e asciugate per evitare macchie di calcare. Volendo si possono lucidare le foglie con un goccio d’olio da cucina strofinato con della carta assorbente.

La rifinitura del cono viene fatta con l’ultima mela adaggiata sul topo, contornato con i rametti verdi.

Il cono così ricoperto può essere messo su un piatto rotondo e capiente, oppure su un’alzata. Se scegliete l’alzata fatte attenzione che la sua base sia stabile e resistente, ricordando con il cono sarà abbastanza pesante!